16/10/2020
TAGLIO SIEPI E PIANTAGIONI SPORGENTI
Vengono segnalate da più parti situazioni d’intralcio e di pericolo  per veicoli e pedoni causato da siepi  e/o piantagioni sporgenti sulla pubblica via.
            E’ doveroso rammentare che l’art. 29 del Nuovo Codice della Strada prevede:
1.  I proprietari confinanti hanno l’obbligo di mantenere le siepi in modo da non restringere o danneggiare la strada o l’autostrada e di tagliare i rami delle piante che si protendono oltre il confine stradale e che nascondono la segnaletica o che ne compromettono comunque la leggibilita` dalla distanza e dalla angolazione necessarie.
2.  Qualora per effetto di intemperie o per qualsiasi altra causa vengano a cadere sul piano stradale alberi piantati in terreni laterali o ramaglie di qualsiasi specie e dimensioni, il proprietario di essi e` tenuto a rimuoverli nel piu` breve tempo possibile.
3.  Chiunque viola le disposizioni del presente articolo e` soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 169 ad euro 680.
4.  Alla violazione delle precedenti disposizioni consegue la sanzione amministrativa accessoria dell’obbligo, per l’autore della stessa, del ripristino a sue spese dei luoghi o della rimozione delle opere abusive secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI.”
 
            Pertanto, vogliamo invitare ancora una volta tutti i cittadini interessati a regolare siepi e piantagioni sporgenti oltre il confine stradale in modo da non restringere o danneggiare le strade.
            Compatibilmente con le attuali problematiche di organico, questo Comando di P.L. procederà, a partire dal 1° novembre 2020, ad eseguire opportuni controlli mirati.
                                                                                                                                                                                                                                                                                 IL COMANDANTE                                                                                                                                          Comm. C. di P.L. Augusto DE PAOLIS