I primi abitanti
I primi abitanti



Nei tempi antichi nel territorio di Riano vissero prima gli Etruschi e successivamente i Romani. La più grande ambizione dei Romani fu di accrescere la loro potenza ed il loro territorio e fecero questo con le guerre, prima contro i Latini e poi contro gli Etruschi. La prima città etrusca attaccata dai Romani fu Fidene lontana solo pochi chilometri da Roma e conquistata con uno stratagemma da Aulo Servilio che era a capo dell'esercito. Subito dopo i Romani attaccarono Veio, distante 20 chilometri da Roma e aiutate da alcune città vicine tra cui Capena. Per diversi anni i Romani combatterono contro Veio, finchè nel 306 a.C il console Mario Furio Camillo la conquistò. Vinta Veio era necessario sconfiggere Capena la cui posizione si presentava inespugnabile in quanto costruita sopra un colle isolato, con un andamento curvo a mezzaluna. I confini di Capena erano molto estesi, il suo territorio era circoscritto dal fiume Treja, fino alla confluenza con il Tevere e dal fiume stesso. Il territorio di Capena comprendeva perciò quelli di Rignano, MorlupoCastelnuovo di Porto, Riano, Fiano, Civitella, Nazzano, Torrita, Filacciano Ponzano e S. Oreste. Contro Capena i Romani spedirono il loro esercito dai tribuni militari N. Valerio Massimo e Quinto Servilio, questi, visto che era impossibile prendere d'assalto la città decisero di bivaccare per due anni intorno ad essa, impedendo ogni comunicazione e devastando e saccheggiando le campagne che rappresentavano l'unica possibilità di rifornimento per i capenati i quali, vinti dalla fame , chiesero la pace. Così Capena nel 307 a.C fu dichiarata municipio romano; poichè parte di Riano apparteneva a Capena, anche per questo paese cessò l'era etrusca e cominciò l'era romana. Per rendere stabili le loro vittorie i Romani non abbandonavano le terre conquistate, ma le presidiavano stabilendovi delle colonie di legionari, ai quali davano in premio le terre da essi conquistate. I Romani divisero il territorio in tribù, di cui quattro urbane, dentro la città, ed altre fuori, dette tribù rustiche, tutte sulla riva destra del Tevere. In una di queste fu compreso il territorio di Riano, come dimostrano letombe romane in esso rinvenute.